Quali pois scegliere?

Ciao Sara! Sono una tua lettrice da tanto tempo, ti ho già chiesto qualche consiglio in passato e torno ad annoiarti ancora con questa mia questione di stile. Ho letto che stanno tornando di moda i pois e devo confessare che mi piacciono da sempre, però li ricollego all’infanzia e quindi non so se sono adattissimi a una donna che lavora e ha ormai 40 anni suonati! Che dici? Li compro o li lascio alle ragazzine?
Eleonora

Dopo così tanti post sulla ventenne di varie forme quasi mi sono dimenticata dell’esistenza delle altre fasce d’età! Leggevo questa mail e dicevo a me stessa “massì a ogni età mettiamo i pois e le scarpe da ginnastica, evviva la vita e Justin Bieber”; effetto-Despacito. Ma, tolta questa ipnosi momentanea, mi rendo conto che il mondo vero non è un video spagnolo estivo. Purtroppo. Ma vorrei che quest’atmosfera restasse un pochino con noi mentre scrivo questo post dal momento che, e spero ve ne siate accorte, la moda quest’anno ci vuole un po’ così: poco rigide, inclini al compromesso e mentalmente aperte. Nella mia lunga convalescenza ho potuto leggere arretrati di Elle che prendevano polvere in salotto e ho scoperto quello che già sapevo, cioè che in realtà nell’età un po’ chissenefrega, se qualcosa ti piace indossalo (mixato ovviamente e sapientemente con altri capi). Non esistono più capi “assolutamente” adatti a una certa età e a un certo contesto, ed è questa una cosa che cerco di inculcare a tutte le clienti a cui faccio una rehab: “sì, mi sta bene ma ormai come faccio a usarlo, alla mia età?” è una frase davvero infelice, sia perché non ci piace di per sé, sia perché rende infelice chi la sta pronunciando. Allora prendo il capo e voilà lo abbino a altri capi e torna ad essere usato. Ti sta bene, è adatto alla tua forma, ti piace, perché mai relegarlo all’armadio dei ricordi?

Lo stesso suggerimento lo do a tutte le Elelonore alla lettura: se c’è una stampa che amate usatela. Tra l’altro, se è pure di moda sarà facilissimo trovarla in mille varianti, e tra queste mille troverete la vostra senza alcun dubbio.
Vediamole.

Micro: sono un evergreen e non fanno questioni d’età: si adattano 6-90, come i giochi della Hasbro. Una blusa con micro-pois la puoi indossare a 10 anni con la gonnellina rosa, a 16 con i jeans, a 30 e via con il pantalone a sigaretta. Hanno un’allure romantica e addolciscono anche la gonna di pelle, quindi si adattano molto bene a look femminili e retrò; anche nel caso vi abbiniate accessori basic e casual. Quando sono tono su tono, a volte sembrano solo macchioline o creano particolari effetti cromatici: super discreti, in entrambi i casi.

 

Macro: sono i miei preferiti in assoluto, perché più che romantici creano un effetto geometrico e poco da signorina per bene; sono anche i più visti in quest’ultima stagione e si usano molto nella versione B/N per un contrasto molto alto. Al contrario dei loro fratellini minori, hanno la capacità di sdrammatizzare i look romantici: quindi riusciranno a smorzare i toni più femminili e retrò, portandoli più verso il casual chic o (quando sono davvero grossi) il minimal. Qualche anno fa infatti Banana Repubblic aveva lanciato una collaborazione con Marimekko, che aveva proprio optato per il maxi pois per sdrammatizzare e rendere contemporanee gonne a ruota a metà polpaccio.

 

In trasparenza: anche questi hanno il loro fascino e saranno sicuramente presenti, prima o poi, nel mio guardaroba. Sono molto sensuali senza volgarità; e sono pure eleganti, a mio avviso. Un abito nero con tulle a pois sovrapposto potrebbe comodamente essere usato ad una cerimonia (lo so che le puriste del matrimonio mi bocciano l’abito nero ma lo uso comunque, fatevene una ragione). Femminile ed elegante, può essere sia sdrammatizzato con dettagli rock (un gubbino in pelle) o accessori casual chic oppure assecondato, mescolandolo a capi romantici e femminili. A voi la scelta.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS